Alessandra Dino insegna Sociologia giuridica, della devianza e del mutamento sociale presso l'Università degli Studi di Palermo.
Studiosa dei fenomeni criminali di tipo mafioso, in questi anni ha dedicato particolare attenzione all'osservazione delle trasformazioni dei ruoli e delle pratiche sociali e all'analisi dei processi simbolici e comunicativi all'interno di Cosa Nostra. [...]

       

       Uno scorcio del portico al primo piano dello Steri, sede del Rettorato dell'Università degli Studi di Palermo

     

    In libreria

    La mafia devota. Chiesa, religione, Cosa Nostra

    La mafia devota - Ed. Laterza Esiste un Dio dei mafiosi? Qual è il rapporto tra gli uomini d’onore e la religione? Fin dalle origini, la mafia ha attinto alla simbologia cattolica per rinsaldare i legami tra i suoi associati e attribuire dignità alle proprie azioni, creando una ‘religione capovolta’ a propria misura, cercando compiacenza e complicità tra i ministri del culto. L’assassinio per mano mafiosa di padre Pino Puglisi giunge al termine di un lento e difficile processo di maturazione che ha portato le gerarchie ecclesiastiche a una più critica sensibilità verso le ragioni della legalità. Resiste ancora oggi, tuttavia, una Chiesa dalle molte anime, in cui l’opera dei sacerdoti impegnati a diffondere sul territorio una pastorale antimafiosa si scontra spesso con l’atteggiamento di condiscendenza che altri religiosi mostrano per le ragioni del popolo di Cosa Nostra. Una Chiesa divisa, dunque, da cui il sistema di potere mafioso tenta di ricavare il massimo profitto in termini di strumentale legittimazione. In questo libro si racconta una storia difficile. Attingendo ad articoli di cronaca, saggi, documenti giudiziari e parlamentari, fino ai risultati di una ricerca empirica condotta su un campione significativo di parroci siciliani, ho provato a sondare, scavare e fotografare una realtà estremamente complessa, interpretando scenari che non si lasciano liquidare entro schemi monolitici: non esiste una sola mafia, come non esiste una sola Chiesa.





    Alessandra Dino